La GALVAR U14 Elite paga caro un timido primo quarto con la Virtus Siena

Stampa

GALVAR SCUOLA BASKET AREZZO-VIRTUS SIENA 33/55

(6-18; 15-30; 24-40)

GALVAR SBA: Vagnuzzi 2, Salvi, Barbu, Tersillo 6, Casini, Caldora 10, Marcantoni 2, Nocenti 9, Sandrelli 4, Capacci. All. Vezzosi, ass. Pasquinuzzi

Inizio di gara con il freno a mano tirato per la GALVAR u14 elite che, forse memore della partita di andata, gioca con troppo timore reverenziale nei confronti della Virtus e agevola il compito ai propri avversari.

Il primo periodo si conclude così con Siena avanti 18 a 6. Nel secondo quarto i ragazzi di coach Vezzosi riescono ad esprimersi con maggiore tranquillità e l’incontro risulta essere molto più equilibrato. I due attacchi non brillano ma sul parquet si lotta molto, con estrema correttezza, e il parziale sorride alla Virtus ma di misura, 12 a 9. Si va così negli spogliatoi con i nostri sotto per 15 a 30, ma rinfrancati dalla prova della seconda frazione.

Alla ripresa del gioco il copione della gara risulta essere il medesimo visto prima della pausa lunga. I GALVAR riescono a giocare alla pari e l’unico rammarico che hanno è dato dal numero importante di facili conclusioni non mandate a bersaglio che, se realizzate, avrebbero potuto consentirgli di creare maggior pressione sugli avversari. Il periodo si conclude 10 a 9 per Siena, che al 30° minuto comanda nel punteggio, soprattutto grazie al vantaggio preso nel primo quarto, per 40 a 24. Nella frazione conclusiva le formazioni mettono in campo ancora tanto impegno ed energia con la Virtus che, al suono della sirena finale, conquista una meritata vittoria per 55 a 33.

Coach Vezzosi ha così commentato la buona prova della sua squadra :”Se devo commentare l’impegno, come questi ragazzi hanno lottato e anche i miglioramenti nel gioco il giudizio è più che positivo. Paghiamo però un inspiegabile quantità di errori in conclusioni facili, pulite e ben costruite. Questa partita sarebbe potuta finire punto a punto con meno errori su situazioni ben fatte. I ragazzi sono stati anche bravi a non risentire degli assenti. Ora ognuno di loro deve sforzarsi di dare qualcosa in più. Devono scovare dentro se stessi qualcosa che per il momento non immaginano nemmeno di avere. Sicuramente, alla fine di questa stagione, alcuni di loro saranno più forti.”

Prossimo impegno domenica 10 Marzo, in trasferta, Olimpia Legnaia Firenze.

Articoli correlati