La GALVAR U14 elite chiude il campionato con una sconfitta con Prato

Stampa

GALVAR SCUOLA BASKET AREZZO-PRATO BASKET GIOVANE 50/96

(11/25; 20/48; 37/77)

GALVAR SBA: Lanucci, Pratesi R. 12, Vagnuzzi 5, Barbu, Tersillo 6, Casini, Castigli, Caldora, Marcantoni 23, Nocenti 4, Capacci. All. Pasquinuzzi

Si conclude con una sconfitta il campionato della GALVAR u14 elite che viene battuta, tra le mura amiche del palasport ESTRA, dal Prato Basket Giovane.

Già dall’avvio gli ospiti mettono le cose in chiaro e, giocando con estrema intensità, prendono da subito l’inerzia del gioco nettamente nelle proprie mani. Gli SBA offensivamente non fanno neppure male ma in difesa non riescono a contenere l’azione avversaria. Al 10° minuto Prato guida 25 a 11.
La partita prosegue poi sui medesimi binari e i lanieri continuano ad imporre il proprio basket aggiudicandosi tutti i restanti parziali per 23/9, 29/17 e 19/13. Gli amaranto alla fine realizzano complessivamente 50 punti che, tenuto conto del valore dell’avversario, rappresentano un buon bottino ma devono cedere il passo gli ospiti che chiudono l’incontro a quota 96 e raccolgono la meritata vittoria.

Coach Vezzosi ha così commentato la stagione della sua squadra :”E’ terminato un campionato molto difficile per tutti e non doveva essere così. Io da quando alleno sono sempre riuscito ad alzare il livello della squadra che alleno, sempre ma purtroppo con gli under 14 non ci sono riuscito con mio grande dispiacere. Comunque qualsiasi esperienza non è mai solo negativa e anche questa sarà cosi. I nostri problemi principali sono stati la mentalità e le assenze, che poi sono collegate. Io non sono riuscito a trovare 1 o 2 leader a cui ancorare la squadra e quindi a far salire il livello. I ragazzi sono pero’ tutti da ringraziare e spero che comunque questa stagione serva loro o per cambiare mentalità o anche magari per trovare una strada che gli regali più soddisfazioni. Di una cosa sono sicuro, io ho dato il 100%. Ringrazio anche il mio accompagnatore Paolo Marcantoni e il mio assistente Mirko Pasquinuzzi insieme al preparatore Ruben Guarducci.”

Articoli correlati